140x140

800 713 713

e-mail:info@gayhelpline.it
140x140

I DATI DELLA DISCRIMINAZIONE VERSO LE PERSONE LGBT NELLE SCUOLE DEL LAZIO

Roma - 14/05/2020 - L'indagine del progetto Laboratorio Rainbow offre un quadro d'analisi chiaro sulla situazione delle discriminazioni verso le persone LGBT (Lesbiche, Gay, Bisex e Trans) nel contesto scolastico degli Istituti della regione Lazio.

L'analisi, che ha coinvolto un campione di circa 1500 studenti in tutte le province del Lazio, mostra dei dati particolarmente preoccupanti in relazione al contesto omotransfobico che i ragazzi LGBT sono costretti ad affrontare quotidianamente.

Il dato più allarmante è che, a 30 anni dalla depatologizzazione dell'omosessualità dal registro delle malattie mentali, circa uno studente su tre ha ancora una concezione errata dell'omosessualità, e il 10% la considera ancora come una malattia o qualcosa di grave.

Uno scenario scolastico che il 14% di studenti, questa la cifra che nella ricerca si dichiara LGBT, è costretta a vivere quotidianamente. 

Eppure i coming out sono pochissimi, meno del 2% degli studenti fa infatti coming out, e la percezione del numero degli studenti LGBT è bassissima. Oltre il 90% degli studenti crede che in tutto gli istituto scolastico i ragazzi e le ragazze LGBT siano meno di 20.

Uno studente (maschio) su quattro preferirebbe sedersi affianco a qualcun altro, piuttosto che vicino ad un ragazzo gay, mentre uno su tre non è disponibile a condividere la stanza in gita con un ragazzo gay.

Si ringraziano i volontari e le volontarie che hanno collaborato alla ricerca, con grande sforzo e impegno, di Arcigay Roma, Gay Center / Gay Help Line, Differenza Lesbica Roma, Azione Trans, Arcigay Latina, Arcigay Latina, Stonewall Frosinone, Rieti LGBT+ e Arci Rieti, Unipride Viterbo e Arcigay Castelli Romani.

Qui il video che racconta la ricerca 

Qui il report dettagliato della ricerca